spacer spacer
angolo
 
 
 
foto del film
Regia : Gillo Pontecorvo

Anno : 1956


TRAMA

Il documentario fu girato per conto della Camera del Lavoro e fa parte di un filmato di più ampio respiro che testimonia il lavoro e la vita dei lavoratori italiani impiegati nelle mansioni più pesanti e pericolose.
”Pane e Zolfo” vuole documentare le giornate dei minatori di Cabernardi, le loro fatiche quotidiane all’interno della miniera di zolfo, ma anche i momenti di allegria durante le giornate di festa.


Marchigianità :

Il documentario è stato girato interamente nelle miniere di Cabernardi, frazione di Sassoferrato (AN) .
Dice il regista Pontecorvo in un' intervista: “Figurativamente i documentari che facevo, (Pane e Zolfo, o quello sull’alluvione del Po), avevano parecchi punti in comune con il neo-realismo: come “pasta” come materia, come linguaggio, c’erano evidenti legami con il cinema che si girava in quegli anni.”
Nei locali della Scuola Media di Cabernardi è stato allestito il Museo della Miniera di Zolfo che raccoglie testimonianze, documenti, foto e attrezzi da lavoro di quello che fu il più grande centro minerario d’Europa.
Presso il Circolo ACLI di Cabernardi, previo appuntamento, è possibile vedere proiettato il documentario sulla vita dei minatori, girato da Pontecorvo.