spacer spacer
angolo
 
 
 
Ruolo : Scrittore, soggettista

Nato a : Jesi (AN) il 29/04/1875

Morto a : Adelboden (Svizzera) il 13/02/1950



Fonte di ispirazione del grande cinema d’avventura, con oltre trenta film che si rifanno in modo esplicito ai suoi romanzi, Sabatini è forse uno degli scrittori più amati dagli sceneggiatori e registi americani. Figlio di cantanti lirici passa la sua infanzia e la sua giovinezza tra Portogallo, Svizzera e Inghilterra dove andrà a vivere. Il suo primo successo editoriale è Lo sparviero del mare di cui si avranno due trasposizioni cinematografiche: nel 1924 e nel 1940, quest’ultimo diretto da Michael Curti che curerà anche la regia di Capitan Blood un altro successo letterario di Sabatini. Ma già nella prima metà degli anni dieci il cinema pesca a piene mani dai suoi romanzi: escono sugli schermi Il ricattatore, Le porte del destini, Bluff, La taverna del cavaliere, The scorge e The recoi ed è quasi certa la sua collaborazione diretta alla stesura di sceneggiature per il cinema. Fanno seguito a queste pellicole Scaramouche, titolo anche del suo romanzo più famoso, Bardelys il magnifico, del 1927, per la regia di King Vidor, il già citato Capitan Blood, e Il cigno nero, uscito nei primi anni ’40, di Henry King. Nel corso del decennio successivo una serie di remake - Il corsaro, Scaramouche, Le avventure di Scaramuche- riportano in auge nel mondo del cinema i libri di Sabatini.